Giovani Suoni

eventi musica cultura

Festival Nazionale di musiche ed arti emergenti Giovani Suoni – l’associazione è idetrice ed organizzatrice delle otto edizioni della manifestazione. Il festival si pone come il più accreditato in Campania sulla scoperta dei nuovi talenti nostrani, vanta innumerevoli collaborazioni nei suoi anni di storia, l’ultima edizione si è svolta al Castello del Maschio Angioino di Napoli in partnership con il Comune di Napoli-Assessorato alle Politiche Giovanili ed ha visto centiania di artisti partecipare oltre che vedere la nascita di una produzione inedita internazionale con il dj e beat maker Canadese Elaquent assieme agli ospiti del festival, ovvero I Sangue mostro (crew rap capitanata da SPeacker Cenzou e la band dei Foja).

Agli inizi del nuovo millennio, (correva l’anno 2001), con una missione, quella di ricercare fermenti artistici della città prima e del panorama nazionale poi, ricercare e sperimentare nei sobborghi, nella musica che si fa in studio come in quella che si fa per la strada, allontanare per un attimo la musica da tutto quello che è diventata e scorgere quel filo di armonia che lega tutte le persone che nella musica e con la musica trovano la loro identità.

 

Con questi presupposti è nato il festival giovanisuoni,

La prima edizione si è svolta nell’anno 2001 al Parco Viviani, è stata della durata di due giorni ed ha visto un’affluenza di pubblico di 2.000 persone, è stata seguita dai maggiori quotidiani locali. Ospiti della serata: Bisca,Codice 22, Toubab, Ciccio Merolla ed i V7 ethno Funk Bus. .
Vincitori: Malatja

La seconda edizione, svoltasi agli spalti del Maschio Angioino nelle giornate dell’ 1 e del 2 Agosto 2002, ha goduto di un’affluenza di oltre 4000 persone, meritando il seguito di tutti i quotidiani, delle Radio e delle TV a diffusione Regionale. Ospite del festival, nonché Presidente della Giuria, è stato EnzoAvitabile, in collaborazione con gli altri giurati Federico Vacalebre de “il Mattino” e Gennaro Tesone, batterista degli Almamegretta

Vincitori: Babele

La terza edizione si è svolta l’anno 2004 nello spazio “Leonardo” di Città della Scienza, avendo come ospiti gli Agricantus e gli eclettici girovaghi Le Loup Garou. Il festival si è avvalso della collaborazione di Radio Rai, con la presidenza della Giuria tecnica affidata Michael Pergolati e Renato Marengo, conduttori della trasmissione DEMO, e con la presenza di giurati come gli altri giurati Paolo Pierelli della POINT of Viewrecords, e di Lecizio Parlagreco della Exotique…..

Vincitori: Dabol
Premio miglior performance Live: Aeramag

La quarta edizione ha voluto bissare con lo spazio “Leonardo” di Città della Scienza, (uno dei pochi spazi in città che riesca a contenere un numero di persone adatto al nostro seguito di pubblico), ospitando la cantante del Trinidad Z-star, i pugliesi NIDI -d’arac, Ciccio Merolla con la sua nuova formazione con Samir Toukur e Mohammed el Alaoui, insieme a tanti ospiti tra ballerini di tango e flamenco, performer di vario genere e rappresentazioni di musica tradizionale. L’evento è stato trasmesso in diretta radiofonica su RadioClub91 ed in streaming sul nostro sito. E’ stata l’edizione in cuiGiovanisuoni ha premiato “per la passione e la ricerca musicale” uno dei big della musica, Rino Zurzolocon il suo nuovo lavoro:”Wunderkammer”

Vincitori: Ipercussonici
Premio miglior performance Live: Rocco di Maiolo

La quinta edizione si è svolta al Palaparthenope di Napoli alla presenza di migliaia di persone ed ha visto la partecipazione dei FEEL GOOD PRODUCTION come ospiti, e della Camera Migliore e Cappello a Cilindro come band rivelazione del 2005. L’evento è stato trasmesso in diretta radiofonica su RadioClub91 e si è avvalso della collaborazione di giuriati di esperti del settore come Rossella Diaco e Marco Artico Di Radio Rai International, Lecizio Parlagreco della Exotique, Giancarlo Passarella di musicalnews ed importanti

musicisti del panorama partenopeo.

Vincitori: Pennelli di Vermeer
Premio miglior performance Live: Tzacatal

La sesta edizione, nella cornice storica di P.zza del Gesù, ha lanciato Gino Fastidio, realtà oramai accreditata del panorama musicale napoletano, ha visto nascere Paola Follero come cantante solista e ha regalato ai pugliesi Camillorè un insolito successo, mentre gli “A toys orchestra” stregavano il pubblico in piazza e Greg nella sua formazione dei Blues Willis facevano letteralmente saltare circa 3000 persone a colpi di rhythm & blues. Tutto questo ha permesso alle giovani band di proseguire nel loro cammino musicale e promozionale, anche grazie ai video girati in collaborazione con l’Aleph Service e al Tour che Giovani Suoni ha organizzato per i vincitori.
Vincitori: Camillorè
Premio miglior performance Live: Tartaruga Sound System

La settima edizione ha bissato nella storica p.za del Gesù, gremita come non mai per le esibizioni dei partecipanti e delle band ospiti, Chiarastella, Boo Boo Vibration, L’inglese Andreya Triana, il jazzista napoletano Paolo Palopoli e la band rivelazione del 2009 i Calibro 35.
Vincitori: Crisma 33

Premio miglior performance Live: Abulico

L’ottava edizione si è svolta, dopo 5 anni dall’ultima, presso il Castel Nuovo di Napoli, meglio conosciuto come Maschio Angioino i giorni 25 e 26 luglio 2014. Colmo come un uovo il castello ha visto, per la prima volta al festival, una nutrita rappresentanza del mondo rap campano, si sono susseguiti sul palco : Cris Geko, Titoli di Coda, Mastin Napulitan, Emilio Carrino, Geco Mc, Beltrami, Patto MC, Victor Zeta e i fiori blu, La Maschera, Oyoshe, e gli ospiti: Funky Pusherz, Balsamo,Sangue Mostro, The Collettivo, il beat maker canadese Elaquent per la prima volta in Italia,e la band dei Foja.

L’evento è stato promosso e sostenuto dal dipartimento della Gioventù presso la Presidenzxa del Consiglio dei Ministri e dall’Anci. A latere del festival si sono sviluppati degli eventi collaterali, una presentazione ufficiale che è avvenuta il 7 giugno 2014 presso il Parco Gaetano Errico di Scampia e dei momenti performativi, una battle rap denominata ”Kick A Verse” che è stata aggiudicata da Master Prod e la tappa Napoletana del campionato internazionale di beat making che è stata aggiudicata all’artista “Odeeno”, alias Vincenzo Martinelli, entrambi gli artisti sono stati premiati con un premio in strumentazioni di elevato livello professionale.

La giuria ha ritenuto decretare vincitore del festival il 14 enne Daniele Buonocore in arte Geco Mc al quale è stato poi realizzato un Ep d un percorso formativo e promozionale. E’ stato attribuito anche il premio ‘La Radiazza’, di Radio Marte, partner del festival , che è stato assegnato ad un’altra band finalista del contest, La Maschera.